• Alberi della DeadVlei, nel deserto del Namib

Dalle dune del Namib alle Cascate Vittoria

“Dalle dune del Namib alle Cascate Vittoria” è un “attraversata” della Namibia che vi farà scoprire la straordinarietà diversità paesaggistica del Paese: dal deserto alle savane, fino a giungere alle maestose cascate Vittoria con la sua foresta che le circonda.

Questo viaggio ha inizio nel deserto del Namib: partendo da Sesriem, visiterete le dune di Sossusvlei nel Parco del Namib Naukluft, scoprirete Sandwich Harbour ed il Parco Etosha, effettuerete un safari fotografico nel parco Bwabwata o Mudumu e in quello del parco Chobe River Front; per concludere il vostro viaggio alle maestose Cascate Vittoria, create dal fiume Zambesi.

Il tour si caratterizza per pernottamenti in alloggi di BUON livello, con la formula del “tutto incluso”.
Il viaggio può essere effettuato, se del caso, anche in senso contrario a quello descritto più oltre.
Valentino o Jacqueline saranno la guida naturalistica di lingua italiana che vi accompagnerà durante questa incredibile attraversata.

Durata del tour di 13 giorni /12 notti; partenze con date prestabilite (vedere nella pagina PARTENZE) ma anche con date aperte su richiesta.
Per i tour personalizzati è inoltre possibile richiedere delle modifiche all’itinerario o alloggi e prevedere delle estensioni: proseguimento per safari in Botswana nel Savuti e Moremi.

Numero partecipanti: minimo 2, massimo 8.

Quotazione a richiesta; contestualmente sarà inviato il programma con la lista completa degli alloggi previsti oltre ad eventuali modifiche apportate al programma di massima.

1° giorno: Windhoek / Sesriem

Arrivo all’Aeroporto Internazionale di Windhoek, e incontro con la guida (Valentino o Jacqueline) che vi accompagnerà per tutta la durata di questo viaggio. Partenza per il deserto del Namib, passando attraverso il Spreetshoogte Pass dal quale si gode un panorama spettacolare del deserto stesso.
Le dune del deserto del Namib sono il simbolo della Namibia e sono tra le più alte al mondo; sono situate nel cuore del Parco Namib Naukluft e sono state dichiarate patrimonio dell’umanità da parte dell’UNESCO.
Il deserto del Namib ha una eccezionale unicità: quella di essere un deserto ”vivente” grazie all’umidità che arriva dal mare e che garantisce la vita a piante e animali.
Le dune sono prevalentemente a forma a stella e a parabolica: domina il colore albicocca. Sono formate da una sabbia fine in cui è possibile affondare i piedi nudi, così da lasciare le impronte come testimonianza del nostro passaggio in uno dei deserti più antichi del mondo.

* Pernottamento in lodge nei  pressi di Sesriem.
* Trattamento di pensione completa.

2° giorno: Sesriem

Partenza prima dell’alba per la scoperta della magia del deserto e ammirare in particolare le spettacolari dune, dal forte color arancio albicocca, colore che assumono nelle prime ore del mattino: è questo infatti il momento migliore per ammirarle e per scattare “tante” fotografie. Avremo modo altresì di vedere alcuni animali che vivono nel deserto come le antilopi saltanti, gli orici, gli struzzi e gli sciacalli.
Accompagnati dal susseguirsi delle dune, dalle varie tonalità arancio, si raggiunge l’area di Sossusvlei.
Visita del suggestivo “Deadvlei”, famoso per le geometrie dei suoi alberi scuri, che contrastano  con il bianco del terreno argilloso, lo sfondo delle dune e il cielo azzurro: un paradiso per gli appassionati della fotografia.
I più intraprendenti potranno scalare la duna più alta del mondo: il famoso “Big Daddy”.
Nel pomeriggio visita al Sesriem Canyon. Trenta milioni di anni fa il fiume Tsauchab trasportò con la sua corrente a valle sassi, pietre e sabbia, depositando il tutto nell’area di Sesriem. L’argilla trasportata dall’acqua ha compattato e cementato per  così dire l’insieme. Nel tempo, il fiume Tsauchab ha iniziato a scavare, per crearsi una via, creando un canyon naturale di circa 8 Km di lunghezza, profondo 30 metri. Il nome Sesriem significa “sei cinghie di carro”: ovverossia il numero di cinghie che si dovevano annodare assieme per raggiungere, con i secchi, l’acqua che scorreva nel canyon.

* Pernottamento in lodge nei pressi di Sesriem.
* Trattamento di pensione completa.

3° giorno: Sesriem / Walvis Bay o Swakopmund

Partenza per Walvis Bay; si costeggiando il parco del Namib Naukluft per giungere poi nella cittadina situata sulla costa dell’oceano Atlantico; breve sosta “on the road” sulla linea del Tropico del Capricorno, avente latitudine 23° 26′ 16” Sud: è il parallelo più meridionale in cui il Sole culmina allo zenit nel solstizio di dicembre; è il momento in cui ha inizio l’estate australe (e, per converso, l’inverno boreale).
Durante questo viaggio, potrete scoprire come il paesaggio circostante cambi repentinamente, rinnovandosi nei colori e nelle forme: tra montagne e colline, il Gaub e il Kuiseb canyon, le vaste piane e le dune dorate.
Nel tardi pomeriggio è prevista una passeggiata lungo la laguna di Walvis Bay.
La vasta laguna di Walvis Bay è molto ricca di avifauna: uccelli marini (come Cormorani),  uccelli migratori (come varie specie di Sterne), uccelli di costa (come i Fenicotteri rosa di due specie: quella minore e quella maggiore, le Beccacce, i Corrieri e i Pivieri) e uccelli di palude come gli Aironi, i Pellicani e tanti altri.

* Pernottamento in guesthouse, fronte laguna di Walvis Bay o fronte dune di Swakopmund.
* Trattamento di mezza pensione, e cena libera.

4° giorno: Walvis Bay o Swakopmund

Giornata dedicata alla scoperta del deserto fino a giungere a Sandwich Harbour. Percorrendo la pista costiera, si attraversa l’immensa foce del fiume Kuseb e, viaggiando sul bagnasciuga, si raggiunge un posto particolare in cui si gode un paesaggio spettacolare: là dove le pareti dorate delle dune incontrano il freddo oceano Atlantico.
Sandwich Harbour è situata all’interno del Parco del Namib Naukluft; si tratta di una laguna lunga  3.7 Km e larga 1 Km, poca profonda e divisa dall’oceano Atlantico da una dorsale sabbiosa che mantiene separata l’acqua dolce da quella salata dell’oceano. Nei ultimi anni, peraltro, violente tempeste hanno ridotto la dimensione della dorsale e le acque si mescolano facilmente.
Nel passato, Sandwich Harbour era un piccolo porto commerciale, base per la caccia alle balene, ma ora è meglio conosciuto per la sua avifauna e la sua piccola laguna. Si potranno vedere inoltre molte varietà di uccelli marini tra cui fenicotteri, pellicani, cormorani, corrieri, beccacce… ma non solo, otarie che si crogiolano al sole, sciacalli e, a volte, avvistamenti di delfini.
Pranzo durante l’escursione nel deserto.

* Pernottamento in guesthouse, fronte laguna di Walvis Bay o fronte dune di Swakopmund.
* Trattamento di mezza pensione, cena libera.

5° giorno: Walvis Bay / Parco Etosha

Partenza per il parco Etosha e nel pomeriggio, primo safari nei dintorni di Okaukuejo.
Il parco Etosha, per la maggior parte è pianeggiante ed ha un’estensione di 22.912 Km² (più o meno la stessa estensione della Toscana). Il suo paesaggio, inconfondibile, è caratterizzato dal fondale bianco di un antico lago chiamato Etosha Pan che, nella lingua locale, significa “Grande luogo bianco”.
Qui la natura la fa da padrona e noi siamo i suoi “ospiti”.
Le sue strade di terra battuta offrono l’opportunità di visitare con attenzione il parco che è disseminato di pozze d’acqua naturali (sorgenti artesiane) e artificiali; dando così al visitatore un’occasione in più, quella di ammirare gli animali intenti a dissetarsi.

* Pernottamento in chalet all’interno del Parco Etosha.
* Trattamento di pensione completa.

6° / 7° giorno: Parco Etosha

Le giornate saranno dedicate interamente ai safari nel parco e alla scoperta di questo grande  parco africano. Nel parco Etosha ci sono 114 specie di mammiferi e 340 specie di uccelli che lo popolano nell’arco dell’anno.
Ci soffermeremo in particolare lungo le varie pozze per ammirare gli animali che vanno ad abbeverarsi: dagli “assetati” Gnu, ai “prepotenti” Orici, alle “simpatiche” Zebre di pianura, ai “padroni” Elefanti, alle “eleganti” Giraffe e alle numerose springbok ovvero le antilopi saltanti.  Osserveremo altresì l’impala del muso nero (endemico), i kudu, alcefalo rosso… e molte specie di uccelli. Nel parco Etosha non mancano i grandi predatori: dal “possente” leone, alle “massicce” iene, allo “schivo” leopardo ed ai rari ghepardo e lince africana.

* Pernottamento in chalet all’interno del Parco Etosha.
* Trattamento di pensione completa.

8° giorno: Parco Etosha / Rundu

Il parco Etosha fu fondato nel 1907, asservendo a parco un’area di 100.000 Km²; all’epoca era la più grande riserva del mondo. Negli anni sessanta del secolo scorso il parco venne progressivamente ridimensionato.
Al mattino ultimo safari nel parco Etosha, con possibilità di avvistamento di animali fino al cancello di uscita “von Lindequist Gate” nei pressi di Namutoni .
Partenza verso nord in direzione di Rundu, nella regione del Kavango, con arrivo nel tardo pomeriggio al lodge situato lungo il fiume Kavango.

* Pernottamento in lodge nelle vicinanze di Rundu.
* Trattamento di pensione completa.

9° giorno: Rundu / Parco Bwabwata

Partenza verso est alla volta di Kongola; durante il tragitto, sosta e visita alle rapide di Popa Falls create dal fiume Kavango. Proseguimento e attraversamento del parco Bwabwata (ex Parco Caprivi) e arrivo al lodge situato sulle sponde del fiume Kwando. Nel pomeriggio safari in veicolo 4X4 scoperto, accompagnati da una guida locale; il safari si concluderà ammirando le ultime luci del tramonto.

* Pernottamento in lodge , situato lungo il fiume Kwando.
* Trattamento di pensione completa.

10° giorno: Parco Bwabwata / Parco Chobe, Botswana

Al mattino, safari in barca lungo le placide acque del fiume Kwando per ammirare il territorio acquatico.
Trasferimento verso il confine con il Botswana, a Ngoma e proseguimento verso Kasane, una cittadina ai confini del parco, situata lungo il fiume Chobe. Il parco del Chobe River Front è l’area di parco che comprende il “lungo fiume” Chobe, dove il fiume fa da confine con la Namibia e, subito dopo la città di Kasane, si immette nel fiume Zambesi: questo accade quando la corrente dello Zambesi è lenta e il livello delle acque “riceventi” è basso. Quando le acque fluiscono, la vasta piana alluvionale è verdeggiante e costituisce un richiamo per molti erbivori: bufali, elefanti, zebre e impala. Nel caso contrario, quando cioè le acque dello Zambesi sono veloci e il livello è alto, il Chobe non ha la forza sufficiente per immettersi nello Zambesi e le acque del Chobe rimangono, per così dire, “in attesa”, allagando la vasta piana alluvionale: una vera unicità paesaggistica, in entrambi i casi.

* Pernottamento in lodge, situato in Kasane nei pressi del parco Chobe.
* Trattamento di pensione completa.

11° giorno: Parco Chobe

Nella giornata odierna sono previsti un safari in fuoristrada 4X4 lungo le rive del fiume Chobe e un safari in barca lungo il fiume Chobe, all’interno del parco omonimo.
Durante i safari è possibile osservere: famiglie di elefanti, mandrie di centinaia di bufali, ippopotami, coccodrilli, leoni, antilopi roane, licaoni, sciacalli, impala, zebre, giraffe, leopardi, iene, antilope nera e non solo. Il Parco è ricco infatti di molte varietà di uccelli, tra cui in particolare quelli acquatici; ma anche aquile, gruccioni, buceri, gufi, martin pescatori, ghiandaie, avvoltoi, aironi (solo per citarne alcuni).
Le sponde del fiume Chobe, nel “versante Botswana”, sono ricche di vegetazione di alto fusto, di cespugli e di una boscaglia fitta che si sviluppa poi nell’entroterra del Parco. In questa parte del lungofiume Chobe, gli animali vanno ad abbeverarsi: anche perché la vegetazione offre riparo e ombra: ma… è pure luogo di agguati da parte dei predatori.

* Pernottamento in lodge, situato in Kasane nei pressi del parco Chobe.
* Trattamento di pensione completa.

12° giorno: Kasane / Cascate Vittoria, Zimbabwe

Partenza per lo Zimbabwe; concluse le pratiche di passaggio del confine, ci dirigiamo alla volta di Victoria Falls.
Nel pomeriggio visiteremo le maestose cascate Vittoria, scoperte da David Livingstone e dedicate alla regina Vittoria in ragione della loro maestosità e bellezza.
Le cascate Vittoria in lingua locale sono chiamate “Mosi oa Tonya” , espressione che significa vapore che tuona.
Victoria Falls offre numerose attività turistiche complementari: dal sorvolo delle cascate in elicottero alla crociera sul fiume Zambesi; opzioni che non sono incluse né nel programma né nella quotazione del viaggio per dare ai partecipanti maggior libertà di scelta in loco.
NOTA: Possibilità di richiedere un giorno extra in Victoria Falls.

* Pernottamento in Hotel a Victoria Falls.
* Trattamento in mezza pensione e cena libera.

13° giorno: Cascate Vittoria

Conclusione del viaggio con trasferimento all’aeroporto Internazionale di Victoria Falls in tempo per il volo di rientro.

 

Prossime partenze:

  • 17 luglio 2019
  • 3 agosto 2019

Prezzo a richiesta

Se siete interessati al nostro Itinerario di viaggio non esitate a contattarci: possiamo adattare e personalizzare il viaggio in modo da soddisfare le vostre esigenze. C'è da parte nostra la massima elasticità per i tour personalizzati, con la possibilità di variare le sistemazioni a vostro piacere. Se preferite viaggiare in coppia, o solo con i vostri amici, o se vorreste un viaggio di durata più breve o più lunga, contattateci, saremo felici di creare il VOSTRO viaggio!
A seconda delle richieste le nostre quotazioni possono includere:
  • Le sistemazioni indicate in programma (o similari, in base alla disponibilità);
  • Tasse di soggiorno;
  • Pensione completa o mezza pensione;
  • Veicolo e carburante per la durata del viaggio;
  • Visite, escursioni come da programma;
  • Ingressi ai parchi;
  • Trasferimenti da e per l'aeroporto;
  • Assistenza di una guida italiana (Valentino o Jacqueline) per la durata del tour.
Le nostre quotazioni NON includono:
  • Le bevande, le mance e gli extra a carattere personale;
  • Pasti non specificati in programma;
  • Biglietto di entrata alle cascate Vittoria;
  • Visto d'entrata per lo Zimbabwe;
  • Attività non specificate in programma;
  • Voli di linea e tasse aeroportuali;
  • Assicurazione: medica, bagaglio, annullamento;
  • Obbligatorio premunirsi con un'assicurazione personale;
  • Eventuali variazioni all'itinerario proposto potrebbero determinare variazione di costo;
  • Quanto non espressamente indicato alla voce “Le nostre quotazioni includono”;